Casa Corini a Parma: dialogo tra forma e anima.

“Quando passavo da bambino mi chiedevo spesso cosa ci fosse dietro questo muro”. Dopo circa 40 anni antonio Rizzi l’ha scoperto e con soddisfazione presenta la nuova abitazione oltre quella cortina lineare e impetuosa sulla strada. Quel muro non è nient’altro che la facciata di una casa: una villa in città commissionata a Franco Albini e Franca Helg dalla famiglia Corini nel 1967 e oggi abitata da Antonio con la moglie Michela e i tre figli. “Solo dopo essere entrati abbiamo veramente capito che questa forma è allo stesso tempo essenza e anima”, commentano ancora sorpresi.

L’efficace scelta materico coloristica delle cornici marcapiano in cemento a vista accostate a dettagli in cotto ne disegnano il profilo, interrotto da un volume cieco aggettante e incastrato sull’ingresso principale. Una quinta in muratura che interpreta alla lettera la la sua funzione di delimitazione prospettica poiché, una volta superato il varco, è necessario rintracciare il percorso dell’abitazione definito dal nuovo fulcro compositivo e cromatico della scala elicoidale, immancabile firma dei due architetti.

Questo e altro ancora possiamo leggere sull’articolo che Icon Design dedica a Casa Corini, rappresentativa espressione architettonica dello studio Albini-Helg, nel numero appena uscito del mese di gennaio 2020.